Il sinistro avvenuto in strada privata

Ai fini dell’applicazione della normativa della assicurazione obbligatoria della responsabilità civile automobilistica, sono equiparate alle strade di uso pubblico tutte le aree di proprietà pubblica o privata aperte alla circolazione del pubblico, intendendosi per tali, quanto alle aree private, quelle in cui la circolazione è consentita ad una cerchia indeterminata di persone, diverse dai titolari dei diritti sulle aree medesime, sia pure sotto specifiche condizioni o per particolari finalità.

Tribunale di Modena (Pagliani G.), sentenza n. 560 del 30 marzo 2011

L’anzianità non è di per sè causa di invalidità del contratto

L’età avanzata (nella specie, 92 anni) e la presenza di malattie legate all’anzianità stessa (nella specie, cardiopatia ischemica cronica) non sono elementi di per sé soli sufficienti ad integrare uno stato di incapacità di intendere e di volere rilevante ai fini dell’annullamento dei contratti.

Tribunale di Modena (Di Pasquale R.), sentenza n. 1151 del 14 luglio 2011

Sinistri stradali: il superamento della presunzione di colpa concorrente dei conducenti

L’accertamento in concreto della colpa di uno dei conducenti, non comporta di per sé il superamento della presunzione di colpa concorrente dell’altro ex art. 2054 co. 2 cc, all’uopo occorrendo che quest’ultimo fornisca la prova liberatoria, con la dimostrazione di essersi uniformato alle norme sulla circolazione e a quelle della comune prudenza.

Tribunale di Modena (Rimondini A.), sentenza n. 274 del 25 febbraio 2013

Quando il venditore ha l’obbligo di riparare o sostituire il bene

In tema di compravendita, i rimedi previsti dalla garanzia per vizi sono esclusivamente la risoluzione del contratto ovvero la riduzione del prezzo della cosa venduta (art. 1492 cc), salvo in ogni caso il risarcimento del danno (art. 1494 cc), e non anche la possibilità di ottenere la riparazione o sostituzione del bene, salvo i rapporti disciplinati dal Codice del Consumo (art. 128 e ss. D.lgs. 205/2006).
Tribunale di Modena (Di Pasquale R.), sentenza n. 980 del 22 giugno 2012

Preclusioni processuali e produzione del documento che attesta la cessazione della materia del contendere

La produzione di un documento (nella specie, transazione) attestante la cessazione della materia del contendere è ammessa in qualunque fase (e grado) del giudizio e non è quindi soggetta alle preclusioni istruttorie per le produzioni documentali.
Tribunale di Modena (Pagliani G.), sentenza n. 669 del 20 maggio 2009

gen 25

Responsabilità medica: l’irrimediabilità del male non giustifica la cura comunque sbagliata

L’esito senz’altro mortale di una malattia (nella specie, tumore) non esime da responsabilità il sanitario per errore medico nel caso in cui questo comporti una riduzione della quantità di vita della paziente (nella specie, di pochi mesi).

Permalink link a questo articolo: http://www.giurisprudenzamodenese.it/?p=1863

gen 25

Azione di regolamento di confini e mappe catastali

In tema di actio finium regundorum (art. 950 c.c.), le risultanze delle mappe catastali hanno natura sussidiaria e la prova del confine può essere data con qualsiasi mezzo, spettando al giudice di merito scegliere le risultanze probatorie ritenute all’uopo decisive.
Tribunale di Modena (Farolfi A.), 7 agosto 2008

Permalink link a questo articolo: http://www.giurisprudenzamodenese.it/?p=1862

gen 25

Impresa e risarcimento del danno al netto dell’IVA

In tema di responsabilità civile, ove il danno riguardi beni strumentali dell’impresa, il costo delle relative riparazioni è risarcibile al netto dell’IVA, che per il danneggiato – in virtù di detrazioni e compensazioni fiscali – non rappresenta infatti un effettivo danno economico.
Tribunale di Modena (Farolfi A.), 22 gennaio 2008

Permalink link a questo articolo: http://www.giurisprudenzamodenese.it/?p=1861

gen 25

La liquidazione delle spese legali avviene d’ufficio

La regolazione delle spese di lite prescinde dalla domanda, in quanto il giudice deve provvedere a essa anche d’ufficio, essendo i diritti e gli onorari previsti dall’apposita tariffa professionale, salvo l’esercizio da pare del giudice della facoltà discrezionale di disporne la compensazione totale o parziale tra le parti, in caso di soccombenza reciproca o di altri giusti motivi (Nel caso di specie, il Giudice di Pace aveva deciso la causa omettendo pronunciare sulle spese del giudizio mancando la relativa richiesta delle parti e le rispettive note spese. La sentenza veniva appellata e, in applicazione del principio, riformata in parte qua).
Tribunale di Modena (Farolfi A.), 19 aprile 2007

Permalink link a questo articolo: http://www.giurisprudenzamodenese.it/?p=1860

gen 25

Contratto di trasporto e responsabilità del vettore

Ai sensi dell’art. 3 Convenzione di Ginevra 19 maggio 1956 (CMR), resa esecutiva in Italia con l. 6 dicembre 1960 n. 1621, il vettore risponde del fatto colposo del terzo del quale si è avvalso per l’esecuzione del trasporto.
Tribunale di Modena (Di Pasquale R.), 31 agosto 2007

Permalink link a questo articolo: http://www.giurisprudenzamodenese.it/?p=1859

Post precedenti «

» Post successivi

Carica ulteriori elementi