Quid juris se il cliente rifiuta di fornire le informazioni all’intermediario finanziario che lo assiste nell’investimento?

Nelle operazioni di negoziazione per conto terzi o in proprio, i doveri di informazione e di valutazione dell’adeguatezza dell’investimento a carico dell’intermediario finanziario non vengono meno neppure nel caso in cui l’investitore, all’atto della sottoscrizione del contratto quadro, abbia rifiutato di fornire le richieste notizie sulla propria esperienza in materia, situazione finanziaria, propensione al rischio […]

Read More &#8594

Gli obblighi di comportamento a carico dell’intermediario, finalizzati alla tutela del risparmio

Nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento, i soggetti abilitati devono “acquisire le informazioni necessarie dai clienti e operare in modo che essi siano sempre adeguatamente informati” (art. 21 T.U.I.F.) e tale obbligo trova diretta attuazione negli artt. 28 e 29 reg. Consob n.1152/1998: gli intermediari devono “chiedere all’investitore notizie circa la sua […]

Read More &#8594

Il decreto ingiuntivo esecutivo va trascritto nell’atto precetto?

La trascrizione del titolo esecutivo nel precetto è dovuta solo quando la stessa sia “richiesta dalla legge” (art. 480 2° comma, c.p.c.), ovvero in ipotesi di titolo costituito da cambiale o da assegno bancario, mentre qualora esso sia costituito da un decreto ingiuntivo, è sufficiente l’indicazione in precetto della “data di notificazione del titolo esecutivo, […]

Read More &#8594

Contratto quadro non sottoscritto: nulle tutte le successive operazioni finanziarie

La mancanza di sottoscrizione del contratto quadro determina la nullità insanabile delle operazioni d’investimento successivamente compiute dalla banca, ed in particolare di tutti i successivi ordini di acquisto che costituiscano attuazione, dovendo escludersi qualsiasi forma di convalida dell’atto nullo. Tribunale di Modena (Salvatore E.), sentenza n. 84 del 18 gennaio 2018

Read More &#8594