La prova liberatoria a carico del depositario

Coordinando gli art. 1768 cc e art. 1780 cc con gli art. 1176 cc e art. 1218 cc, ne risulta il principio di diritto per cui il depositario è esente da responsabilità se prova che l’inadempimento è dipeso da causa a sé non imputabile, la quale tuttavia non assume necessariamente i caratteri del caso fortuito […]

Read More &#8594

L’imputazione dei pagamenti

In mancanza di prova di specifica imputazione di singoli pagamenti, deve farsi riferimento ai criteri legali di cui agli art. 1193 cc e art. 1194 cc; sicché, in difetto di una tempestiva imputazione volontaria operata dal debitore, non si può successivamente operare in modo unilaterale l’imputazione del pagamento eseguito. Tribunale di Modena (Rovatti), sentenza n. […]

Read More &#8594

La riconvenzionale comporta implicita rinuncia all’eccezione di incompetenza?

La domanda riconvenzionale del convenuto non comporta implicita rinuncia all’eccezione di incompetenza territoriale del giudice adito dall’attore, giacché l’instaurazione della causa riconvenzionale esprime solo la volontà della parte convenuta che la propria domanda sia decisa dal giudice competente per la domanda principale, talché l’accoglimento dell’eccezione pregiudiziale di rito comporta la translatio iudicii per ambo le […]

Read More &#8594

Compenso dell’avvocato: la competenza territoriale del giudice può variare in base al rito prescelto

Per il pagamento del proprio compenso, l’avvocato può rivolgersi all’Ufficio giudiziario ove ha sede il Consiglio dell’ordine nel cui albo è iscritto se agisce in via monitoria (art. 637 cpc co. 3); tale deroga alla competenza è tuttavia da ritenersi tassativa, sicché non opera nel caso in cui il professionista agisca con riti diversi (nella […]

Read More &#8594