Erronea indicazione in contratto del TEG o TAEG: quid juris?

Il c.d. TEG (tasso effettivo globale) o TAEG (tasso annuo effettivo globale: i due termini s’intendono equivalenti) non è un tasso propriamente inteso, quanto piuttosto un indicatore sintetico del costo complessivo del finanziamento (ISC), diretto a consentire al cliente di conoscere preventivamente il costo totale effettivo del credito. La sua eventuale erronea indicazione, pertanto, costituisce […]

Read More &#8594

Usura e interessi moratori: il punto

In tema di usura e interessi moratori, deve ritenersi che:a) La disciplina antiusura si applica agli interessi moratori, intendendo essa sanzionare la pattuizione di interessi eccessivi convenuti al momento della stipula del contratto quale corrispettivo per la concessione del denaro, ma anche la promessa di qualsiasi somma usuraria sia dovuta in relazione al contratto concluso.b) […]

Read More &#8594

Nel mutuo alla francese, non può esserci anatocismo

Non è concettualmente configurabile il fenomeno anatocistico con riferimento a mutuo con ammortamento c.d.alla francese, difettando – in sede genetica del negozio – il presupposto stesso dell’anatocismo, giacché il metodo di calcolo della tradizionale rata costante espressa nel piano di ammortamento si risolve in una formula più complessa di calcolo del futuro interesse corrispettivo da […]

Read More &#8594

La perizia di parte che determini il t.e.g. con formule diverse dalle Istruzioni della Banca d’Italia è necessariamente viziata

La perizia di parte che determini il t.e.g. con formule che disattendano le Istruzioni della Banca d’Italia (da ritenersi quali «norme tecniche autorizzate» a integrare la legge civile e penale) è necessariamente viziata, giacché è ragionevole attendersi simmetria tra le metodologie di calcolo rispettivamente seguite per il tasso effettivo globale medio (cd. t.e.g.m.) nelle rilevazioni […]

Read More &#8594

Usurarietà degli interessi: le istruzioni della Banca d’Italia hanno valore vincolante e non possono adottarsi formule di calcolo differenti

Le contestazioni di usurarietà del rapporto fondate su formule di calcolo differenti da quelle adottate dalla Banca d’Italia per la rilevazione dei Tassi Effettivi Globali Medi non sono attendibili e, pertanto, rendono inammissibile in quanto esplorativa una consulenza tecnica d’ufficio di tipo contabile. Tribunale di Modena (Pagliani), sentenza n. 926 del 14 luglio 2022

Read More &#8594