Interessi non dovuti: il correntista non può limitarsi a contestazioni generiche

Il titolare di un conto bancario che agisca per la ripetizione e/o anche solo per l’accertamento di asseriti indebiti ha l’onere di allegare e provare gli elementi costitutivi dell’azione promossa e non può, quindi, limitarsi ad allegazioni generiche, in quanto ciò renderebbe l’azione meramente esplorativa. È necessario, quindi, che il correntista indichi le poste attive […]

Read More &#8594

Cosa deve provare ed allegare il creditore che eserciti un’azione di responsabilità contrattuale?

Il creditore che eserciti un’azione di responsabilità contrattuale può limitarsi ad allegare l’inadempimento dell’obbligazione, di risultato o di mezzi, mentre deve (allegare e) provare la fonte del suo diritto, il danno e il nesso di causalità con la condotta del debitore. In particolare, l’allegazione deve essere specifica e attenere ad un inadempimento per così dire […]

Read More &#8594

La liquidazione equitativa del danno può avvenire solo quando il danno sia certo nell’an ma non sia possibile determinarlo nel suo preciso ammontare

L’esercizio del potere discrezionale di liquidare il danno in via equitativa, conferito al giudice dagli art. 1226 cc e art. 2056 cc, espressione del più generale potere di cui all’art. 115 cpc, dà luogo non già ad un giudizio di equità, ma ad un giudizio di diritto caratterizzato alla cosiddetta equità giudiziale correttiva od integrativa; […]

Read More &#8594

I limiti alla liquidazione equitativa del danno

L’art. 1226 cc consente una parziale relevatio ab onere probandi sull’entità del danno, ma senza esonerare il creditore dall’onere della prova, posto che egli comunque deve sperimentare tutti i mezzi di cui dispone per dimostrare il danno non solo nell’an ma anche nel quantum, mentre al giudice è riconosciuto il compito di sanare, in via […]

Read More &#8594

Si presume l’inadempimento ma non il relativo danno

In tema di responsabilità contrattuale spetta al danneggiato fornire la prova dell’esistenza del danno lamentato e la sua riconducibilità al fatto del debitore, giacché l’art. 1218 cc pone una presunzione di colpevolezza dell’inadempimento che non modifica l’onere della prova in materia. Tribunale di Modena (Pagliani), sentenza n. 857 del 20 maggio 2021

Read More &#8594