La valutatazione della responsabilità professionale dell’avvocato varia a seconda della complessità dell’incarico

Nell’ambito della responsabilità contrattuale dell’avvocato, il nesso di causa può dirsi accertato se il comportamento alternativo doveroso del professionista avrebbe con maggior probabilità assicurato al cliente il riconoscimento delle sue ragioni. In particolare, la colpa, che si presume, deve essere valutata secondo il parametro della diligenza professionale (art. 1176 cc co. 2), ossia della diligenza […]

Read More &#8594

Responsabilità professionale dell’avvocato

In tema di responsabilità professionale dell’avvocato, la colpa -che si presume- deve essere valutata secondo il parametro della diligenza professionale (art. 1176 cc co. 2), ossia della diligenza (intesa quale cognizione tecnica e accortezza) che normalmente l’avvocato deve impiegare nel rendere la propria opera, e deve assumere una particolare intensità (colpa grave: art. 2236 cc) […]

Read More &#8594

L’onere della prova a carico del commercialista (o altro professionista) convenuto in giudizio per responsabilità professionale

In applicazione dei principi generali sulla ripartizione dell’onere della prova, il professionista convenuto in giudizio per l’adempimento, la risoluzione o il risarcimento del danno, ha l’onere di dimostrare di aver tenuto una condotta rispettosa dei suddetti doveri di diligenza e ha, in altri termini, l’onere di dimostrare la sussistenza dei presupposti del credito rivendicato. Tribunale […]

Read More &#8594

I principi generali regolatori della responsabilità professionale

Nelle prestazioni rese nell’esercizio di attività professionali, al professionista è richiesta, ex art. 1176 cc, la diligenza corrispondente alla natura dell’attività esercitata, vale a dire è richiesta una diligenza qualificata dalla perizia e dall’impiego di strumenti tecnici adeguati ai tipi di prestazioni dovute (e la valutazione dell’esattezza delle prestazioni da parte del professionista varia secondo […]

Read More &#8594