Petitum e causa petendi nell’opposizione all’esecuzione

Il giudizio di opposizione all’esecuzione è un ordinario processo di cognizione, nel quale la domanda giudiziale va identificata, nell’aspetto oggettivo, con i suoi elementi costitutivi, del petitum, consistente nella richiesta di un provvedimento giurisdizionale che dichiari l’inesistenza del diritto del creditore di procedere ad esecuzione forzata, e della causa petendi, che consiste nella specifica situazione […]

Read More &#8594

La condanna d’ufficio per lite temeraria non richiede la prova di un danno né del dolo o della colpa grave

La condanna per responsabilità processuale aggravata di cui all’art. 96 cpc co. 3 è applicabile d’ufficio in tutti i casi di soccombenza, configurando una sanzione di carattere pubblicistico, volta alla repressione dell’abuso dello strumento processuale, autonoma ed indipendente rispetto alle ipotesi di responsabilità aggravata ex art. 96 cpc commi 1 e 2 (ma con queste […]

Read More &#8594

L’avvenuto adempimento pro quota non esonera il condebitore solidale dal residuo al CTU

Se il Giudice nel liquidare il compenso del CTU ha fatto esplicito richiamo alla solidarietà, non merita accoglimento la domanda formulate dall’opponente condebitore che, al fine di sottrarsi al vincolo così illustrato, eccepisca la non debenza per aver già corrisposto le somme a suo carico nella misura del 50% del credito interamente dovuto. Tribunale di […]

Read More &#8594

Riformare la liquidazione giudiziale del CTU? Non con lo strumento dell’opposizione ex art. 615, comma I, c.p.c.

Se il giudice istruttore nel liquidare il compenso ha fatto esplicito richiamo alla solidarietà e parte opponente (adempiente per le somme a suo carico nella misura del 50% del credito interamente dovuto) non ha promosso il giudizio di opposizione alla liquidazione del CTU contemplato dall’art. 170, D.P.R. n. 115/2002 al fine di ottenere la riforma […]

Read More &#8594

Interpretazione secondo il principio di soccombenza: possibile solo se non comporta la modifica del titolo esecutivo

Il giudice dell’esecuzione e quello dell’opposizione alla stessa, nell’interpretare il titolo esecutivo contenente la liquidazione delle spese in favore del CTU e, quindi, nell’individuare il soggetto obbligato, devono tenere presente il principio della soccombenza, nei limiti in cui tale interpretazione sia possibile, senza modificare il titolo stesso il che esulerebbe dal compito interpretativo del titolo […]

Read More &#8594