La CTU esplorativa, ovvero preordinata alla ricerca di elementi e fatti non provati

La consulenza tecnica d’ufficio costituisce un mezzo di ausilio per il giudice, volto alla più approfondita conoscenza dei fatti già provati dalle parti, la cui interpretazione richiede nozioni tecnico-scientifiche, e non un mezzo di soccorso volto a sopperire all’inerzia delle parti. Ne consegue che, qualora la consulenza d’ufficio sia richiesta per acquisire documentazione che la […]

Read More &#8594

Mutuo fondiario: i principali “privilegi” sostanziali e processuali attribuiti dal TUB alla banca finanziatrice in deroga alla disciplina ordinaria

La disciplina del mutuo fondiario, contenuta nel Testo Unico Bancario (T.U.B. – D.Lgs. n. 385/1993), è caratterizzata da una serie di privilegi sostanziali e processuali attribuiti al finanziatore, alcuni dei quali di significativo impatto anche sui principi generali del processo esecutivo individuale e concorsuale, tra i quali: la facoltà di eleggere, ai fini dell’iscrizione ipotecaria, […]

Read More &#8594

Nell’opposizione a precetto la rinuncia allo stesso non determina la cessazione della materia del contendere

La rinunzia al precetto non determina la cessazione della materia del contendere, nel giudizio di opposizione rivolto a contestare il diritto del creditore di procedere ad esecuzione (non per vizi formali del precetto stesso), atteso che quella rinuncia non estingue tale diritto. Tribunale di Modena (Lucchi), sentenza n. 106 del 27 gennaio 2022

Read More &#8594

Opposizione a decreto vs Opposizione a precetto

Nel giudizio di opposizione a precetto fondato su decreto ingiuntivo vale la regola per cui, quando l’esecuzione è proposta sulla base di un titolo di formazione giudiziale, debbono essere fatte valere mediante opposizione al decreto le ragioni della nullità del decreto stesso, mentre debbono essere fatte valere con opposizione a precetto le ragioni che si […]

Read More &#8594

Il pagamento tardivo di un assegno emesso privo di provvista non ha efficacia solutoria se non seguito dall’effettivo pagamento del dovuto

Il pagamento tardivo di un assegno emesso privo di provvista non ha efficacia solutoria verso il creditore ma è volto a regolare i rapporti tra banca trattaria ed opponente e costituisce la condizione di non punibilità dell’illecito a seguito del protesto dei titoli ed a evitare l’applicazione della relativa sanzione amministrativa e la conseguente segnalazione […]

Read More &#8594