La sospensione è riservata alle opposizioni prognosticamente destinate a stabilire se l’intero processo esecutivo debba in modo irrimediabile venire meno

La sospensione del processo esecutivo, va riservata ai soli casi in cui l’opposizione sia prognosticamente fondata, in quanto destinata a stabilire “se l’intero processo esecutivo debba in modo irrimediabile venir meno per effetto di preclusioni o decadenze ricollegabili alla pretesa di invalidità -originaria o sopravvenuta- del titolo esecutivo nei confronti del creditore procedente – o […]

Read More &#8594

Il giudice dell’esecuzione non ha autonoma facoltà di sospensione del processo esecutivo per fatti di usura

Il GE non ha alcuna autonoma facoltà di sospensione del processo esecutivo discendente dalla normativa speciale (L. n. 44/1999 e L. n. 3/2012), ma può solo limitarsi a prendere atto della sospensione disposta o negata dal titolare del relativo potere designato dalla legge, ossia il PM. Contenuti riservati agli utenti registrati. Effettuare il login

Read More &#8594

Il provvedimento di sospensione del processo esecutivo disposto dal Pubblico Ministero per fatti di usura ha carattere vincolante per il Giudice dell’Esecuzione

I benefici previsti dall’art. 20 L. n. 44/1999 non sono più correlati alla prognosi di accoglibilità delle richieste di accesso alle elargizioni previste per le vittime di usura od estorsione – rispetto alla quale era d’obbligo affermare l’autonomia valutativa del GE rispetto all’autorità amministrativa – ma alla valutazione prognostica della gravità dei fatti per cui […]

Read More &#8594

La sospensione del processo esecutivo per fatti di usura od estorsione viene disposta dal Procuratore della Repubblica competente per le indagini su detti reati e non dal GE

L’innovazione normativa introdotta dalla L. n. 3/2012, il cui art. 2 ha tra l’altro modificato l’art. 20 co. 7 della L. n. 44/1999, condizionando l’efficacia dei benefici dei commi anteriori non più al “parere del prefetto” ma al “provvedimento favorevole del procuratore della Repubblica competente per le indagini in ordine ai delitti che hanno causato […]

Read More &#8594

L’occupazione di terreno della moglie esecutata non comporta comunione di diritti ex art. 599 cpc, né relativi obblighi di notificazione né eventuali conseguenze omissive

Nel caso di occupazione di terreno della moglie esecutata, in nessun caso è riscontrabile, neppure in potenza, una situazione di comunione di diritti tale da imporre in astratto il ricorso al procedimento di cui agli artt. 599 cpc ss. e, quindi, la sanzione conseguente al fatto che tale procedimento non è stato in concreto attivato. […]

Read More &#8594