All’avvocato extra districtum le notifiche si effettuano alla PEC

In simmetria con l’art. 366 cpc e coerentemente alla nuova formulazione dell’art. 125 cpc, all’onere dell’elezione di domicilio si affianca – a partire dall’entrata in vigore delle modifiche delle disposizioni appena citate, introdotte dalla L. 183/2011 – la possibilità di indicazione dell’indirizzo di posta elettronica certificata dal quale deriva, poi, l’obbligo di provvedere alle notificazioni […]

Read More &#8594

Il vizio di motivazione nel ricorso per cassazione può essere dedotto solo per omesso esame di un “fatto storico” che abbia formato oggetto di discussione e che appaia “decisivo” ai fini di una diversa soluzione della controversia

In seguito alla riformulazione dell’art. 360 cpc co. 1 n. 5, disposta dall’art. 54 D.L. n. 83/2012, conv. con mod. L. n. 134/2012, non sono più ammissibili nel ricorso per cassazione le censure di contraddittorietà e insufficienza della motivazione della sentenza di merito impugnata, in quanto il sindacato di legittimità sulla motivazione resta circoscritto alla […]

Read More &#8594

Ricorso per Cassazione: inammissibile se il ricorrente non adempie al duplice onere di produrre il documento contestato e di indicarne il contenuto in atto

Il ricorrente per cassazione, il quale intenda dolersi dell’omessa od erronea valutazione di un documento da parte del giudice di merito, ha il duplice onere – imposto dall’art. 366 cpc co. 1 n. 6 – di produrlo agli atti (indicando esattamente nel ricorso in quale fase processuale ed in quale fascicolo di parte si trovi […]

Read More &#8594

L’indubbia identità tra credito azionato e quello la cui riscossione forma oggetto del mandato, permette al creditor creditoris di riscuotere dal terzo un credito vantato dal mandante, anche senza la spendita del nome di quest’ultimo

Colui il quale abbia ricevuto dal proprio debitore un mandato con rappresentanza, al fine di riscuotere un credito vantato dal mandante verso terzi, e soddisfarsi sul ricavato, è legittimato a chiedere un decreto ingiuntivo nei confronti del “debitor debitoris”, a nulla rilevando che non abbia formalmente speso il nome di quest’ultimo, quando non possa esistere […]

Read More &#8594

L’attendibilità delle deposizioni rese dai testi è rimessa all’esclusiva valutazione del giudice di merito

Il ricorso per cassazione è inammissibile se volto alla valorizzazione di una prova testimoniale rimessa all’apprezzamento del giudice e alle dichiarazioni rese dalla parte, ritenute insufficienti in sede di merito a costituire la prova del fatto costitutivo della domanda. Corte di Cassazione, sez. III civ. (pres. Vivaldi, rel. Moscarini) sentenza n. 9051 del 12 aprile […]

Read More &#8594