L’estinzione del processo per mancata riassunzione della causa davanti al giudice di rinvio

Nel caso di estinzione del processo per mancata riassunzione della causa davanti al giudice di rinvio, ai sensi dell’art. 393 cpc, l’effetto vincolante del principio di diritto enunciato dalla sentenza della Corte di cassazione, nel nuovo processo instaurato con la riproposizione della domanda, non preclude alle parti di formulare domande o eccezioni nuove rispetto a […]

Read More &#8594

Giudizio di rinvio: la cancellazione dal ruolo della causa, non seguita dalla riassunzione nel termine prescritto

In tema di giudizio di rinvio, la cancellazione dal ruolo della causa, non seguita dalla riassunzione nel termine prescritto, determina l’estinzione dell’intero processo, ma non preclude la riproposizione della domanda. In tal caso, la precedente statuizione della Corte di cassazione è ancora vincolante, ma, poiché la decisione di annullamento ha effetto soltanto sulle parti della […]

Read More &#8594

La mancata riassunzione del giudizio di rinvio a seguito di cassazione

La mancata riassunzione del giudizio di rinvio a seguito di cassazione determina, ex art. 393 cpc, l’estinzione dell’intero processo, con conseguente caducazione di tutte le sentenze emesse nel corso dello stesso, ad eccezione della sentenza della Cassazione che conserva il suo effetto vincolante anche nel nuovo processo. Restano valide le sentenze non impugnate (o nella […]

Read More &#8594

[App. BO] L’appello deve contenere, a pena di inammissibilità, una chiara individuazione delle questioni e dei punti contestati della sentenza impugnata

Gli art. 342 cpc e art. 434 cpc, nel testo formulato dal D.L. n. 83/2012, conv. con modif. dalla L. n. 134/2012, vanno interpretati nel senso che l’impugnazione deve contenere, a pena di inammissibilità, una chiara individuazione delle questioni e dei punti contestati della sentenza impugnata e, con essi, delle relative doglianze, affiancando alla parte […]

Read More &#8594

All’avvocato extra districtum le notifiche si effettuano alla PEC

In simmetria con l’art. 366 cpc e coerentemente alla nuova formulazione dell’art. 125 cpc, all’onere dell’elezione di domicilio si affianca – a partire dall’entrata in vigore delle modifiche delle disposizioni appena citate, introdotte dalla L. 183/2011 – la possibilità di indicazione dell’indirizzo di posta elettronica certificata dal quale deriva, poi, l’obbligo di provvedere alle notificazioni […]

Read More &#8594