Azienda e imposta di registro: la retribuzione del socio lavoratore va dedotta dal valore dell’avviamento

Nella determinazione della base imponibile ai fini dell’imposta di registro, dal valore dell’avviamento dell’azienda ceduta, stimato in base al criterio misto patrimoniale-reddituale, devono essere dedotti i costi rappresentati dalle retribuzioni dei soci lavoratori.

Commissione Tributaria Provinciale Modena, sez. III (pres. Mottola, rel. Stefani), 4 maggio 2015, n. 413

Decreto ingiuntivo emesso da Giudice incompetente

Ove la questione di competenza (nella specie, territoriale) venga posta e ritenuta fondata dal giudice dell’opposizione a decreto ingiuntivo, devesi dichiarare la nullità del provvedimento monitorio e rimettere le parti dinanzi al Giudice competente (con liquidazione delle spese ex art. 91 ss. cpc).
Tribunale di Modena (Cifarelli M.), sentenza n. 1824 del 4 dicembre 2009

Inammissibile la condanna ad un facere infungibile

Deve rigettarsi la richiesta di condanna a stipulare un atto di cessione di quote societarie in quanto riguardante un facere infungibile.
Trib. Modena, Giud. Rel. Dott.ssa Gherardi A. – Pres. Dott.ssa De Marco E., sentenza n. 885 del 28 maggio 2008

Forma convenzionale e domanda di arricchimento senza causa

Il mancato rispetto della pattuizione relativa all’onere di forma contrattuale (art. 1352 cc) non legittima poi richieste di ingiustificato arricchimento (art. 2041 cc).
Tribunale di Modena (Farolfi A.), sentenza n. 764 del 3 giugno 2009

Autonomia contrattuale

Principio fondante del nostro ordinamento giuridico è la libertà di autodeterminazione negoziale, che consente alle parti di regolare i propri rapporti giuridici secondo la propria personale convenienza ed opportunità, con strumenti tipici ovvero atipici, purché diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela, sempre salva la facoltà di rinuncia ai diritti disponibili riconosciuti dall’ordinamento.
Trib. Modena, Giud. Dott. Cifarelli M., 7 maggio 2003

Ott 17

La confessione prevale sulla testimonianza

Sul piano processuale, le dichiarazioni di natura confessoria prevalgono in danno al confitente su ogni altra fonte di prova da cui risulti diversamente la circostanza (nella specie, testimonianza).

Permalink link a questo articolo: http://www.giurisprudenzamodenese.it/?p=2592

Ott 16

L’Elettricista non svolge un’attività pericolosa

La riparazione di impianti elettrici non può qualificarsi “pericolosa” ai sensi dell’art. 2050 cc (Nel caso di specie, al fine di eseguire alcuni lavori all’impianto elettrico di una stalla, veniva momentaneamente disattivato il c.d. “salvavita” e, nel corso di un improvviso temporale, rimanevano  folgorati almeno 9 bovini).
Tribunale di Modena (Farolfi A.), sentenza n. 1281 del 16 settembre 2009

Permalink link a questo articolo: http://www.giurisprudenzamodenese.it/?p=2591

Ott 16

Deroga alla competenza territoriale e cumulo soggettivo

Il foro convezionale (art. 28 cpc), quand’anche previsto in via esclusiva (art. 29 cpc), è comunque derogabile in caso di cumulo soggettivo (art. 33 cpc), sicché l’attore può convenire avanti al giudice del luogo in cui ha sede uno qualsiasi dei convenuti delle cause connesse, anche il soggetto con cui abbia eventualmente pattuito la predetta deroga alla competenza territoriale.

Permalink link a questo articolo: http://www.giurisprudenzamodenese.it/?p=2590

Ott 15

Opposizione a decreto ingiuntivo e impugnazione della delibera assembleare

L’accoglimento della opposizione avverso un decreto ingiuntivo fondato su una delibera assembleare che preveda un tale obbligo di pagamento a carico di un proprio appartenente, presuppone la dichiarazione di inefficacia o annullamento della delibera stessa a seguito di sua tempestiva impugnazione, divenendo altrimenti inoppugnabile il diritto di credito ivi previsto (Nella specie trattavasi di delibera consortile).

Permalink link a questo articolo: http://www.giurisprudenzamodenese.it/?p=2589

Ott 14

Inadempimento del socio a risoluzione del contratto

La disciplina generale della risoluzione per inadempimento (art. 1453 cc e ss.) è prevista per i soli contratti a prestazioni corrispettive ed è quindi inapplicabile al contratto di società, per il quale è infatti prevista la normativa speciale della esclusione del socio per grave inadempimento (art. 2286 cc e ss.).
Tribunale di Modena (rel. Di Pasquale R., pres. De Marco E.), sentenza n. 1302 del 16 settembre 2009

Permalink link a questo articolo: http://www.giurisprudenzamodenese.it/?p=2588

Post precedenti «

» Post successivi

Carica ulteriori elementi