L’azione ex art. 1669 c.c. è proponibile anche nei confronti del venditore

L’azione speciale disciplinata dall’art. 1669 cc è proponibile anche nei confronti del venditore che, pur non avendo curato la costruzione dell’immobile direttamente, con l’impiego proprie risorse (uomini e mezzi), o indirettamente, con il ricorso a specifiche figure professionali, abbia mantenuto il potere di impartire direttive o il potere di sorveglianza sullo svolgimento dell’opera altrui, cosicché […]

Read More &#8594

I presupposti della garanzia decennale ex art. 1669 cc

L’art. 1669 cc è applicabile in presenza di una qualsiasi alterazione cagionata da un’insoddisfacente realizzazione dell’opera che, pur non investendone le parti essenziali e perciò non determinandone la “rovina” o il “pericolo di rovina”, comprometta quegli elementi (accessori o secondari) che ne consentono l’impiego duraturo cui è destinata, incidendo negativamente e in modo considerevole sul […]

Read More &#8594

Quando il vizio è “riconoscibile”?

Il vizio è considerato riconoscibile quando può essere individuato in base al parametro di diligenza del buon padre di famiglia di cui all’art. 1176 cc, vale a dire dell’uomo medio privo di specifiche competenze tecniche, laddove vi sia mancanza di conoscenza specifica per valutare l’opera da parte del committente, e questi abbia proceduto senza dell’ausilio […]

Read More &#8594

Appalto: la distinzione tra consegna e accettazione dell’opera

In tema di appalto, occorre distinguere la consegna dall’accettazione dell’opera: – la consegna costituisce un atto puramente materiale che si compie mediante la messa a disposizione del bene a favore del committente; – l’accettazione esige che il committente esprima (anche per fatti concludenti) il gradimento dell’opera stessa, con conseguente manifestazione che comporta l’esonero dell’appaltatore da […]

Read More &#8594