L’appalto di manutenzione della strada non trasferisce la custodia (e relativa responsabilità) dalla P.A. committente all’appaltatore

In tema di responsabilità ex art. 2051 cc, l’appalto del servizio di tenuta e pulizia del manto stradale non trasferisce completamente i poteri-doveri di custodia e di vigilanza della P.A. in capo all’appaltatore, che altrimenti risponderebbe direttamente in caso d’inadempimento, essendo l’appalto solo lo strumento giuridico per l’assolvimento in concreto del dovere istituzionale (art. 14 cds) dell’ente di curare la manutenzione delle strade di sua proprietà. Al contempo l’appaltatore di servizi prestati in forma continuata o periodica ha la reale disponibilità della res manutenuta, quindi deve adottare tutte le precauzioni necessarie per evitare il danno e comunque ne risponde anche ex art. 2049 cc.

Tribunale di Modena (Ramacciotti), sentenza n. 175 del 4 febbraio 2019

NOTA:
In senso conforme, Tribunale di Modena (Grandi), sentenza n. 909 del 23 maggio 2018.

Esito: Rigetto nel merito (5)

Classificazione:

| art. 1655 c.c. | art. 2049 c.c. | art. 2051 c.c. |
(07) Capo VII - Dell'appalto (artt. 1655-1677 cc), (09) Titolo IX - Dei fatti illeciti (artt. 2043-2059 cc)
Avatar

Avvocato in Modena

Related Articles

0 Comment