Precetto su mutuo fondiario: superflua la notifica del titolo contrattuale esecutivo

Per la realizzazione del credito nascente da mutui ipotecari, gli istituti di credito fondiario, ai sensi degli art. 20, co. 3, 40 e 43 del R.D. n. 646/1905, possono promuovere azione esecutiva sull’immobile ipotecato senza notifica del titolo contrattuale esecutivo (art. 41 TUB), e ciò anche nei confronti dei successori a titolo universale o particolare […]

Read More &#8594

I presupposti dell’opposizione tardiva a decreto ingiuntivo

Ai fini della legittimità dell’opposizione tardiva a decreto ingiuntivo non è sufficiente l’accertamento dell’irregolarità della notificazione del provvedimento monitorio, ma occorre, altresì, la prova – il cui onere incombe sull’opponente – che a causa di quella irregolarità egli, nella qualità di ingiunto, non abbia avuto tempestiva conoscenza del suddetto decreto e non sia stato in […]

Read More &#8594

Contratto con enti o società ed illeggibilità della sottoscrizione

Nel caso di contratti in cui siano parte enti o società, la mera contestazione della circostanza che la sottoscrizione non sia chiaramente intellegibile è irrilevante ai fini della validità del negozio, a meno che non sia accompagnata dalla contestazione della legittimazione sostanziale del sottoscrittore a rappresentare e, quindi, impegnare l’ente stesso giacché, in assenza di […]

Read More &#8594

Come si imputa l’acconto sul maggior danno ricevuto prima della (o in corso di) causa?

Nelle obbligazioni risarcitorie, il creditore deve essere risarcito, mediante la corresponsione degli interessi compensativi, del danno che si presume essergli derivato dall’impossibilità di disporre tempestivamente della somma dovuta e di impiegarla in maniera remunerativa, sicché la liquidazione del danno da ritardato adempimento, ove il debitore abbia pagato un acconto prima della quantificazione definitiva, deve avvenire: […]

Read More &#8594

I presupposti per la condanna al rimborso delle spese legali per attività stragiudiziale (seguita da attività giudiziale)

Il rimborso delle spese di assistenza stragiudiziale ha natura di danno emergente, consistente nel costo sostenuto per l’attività svolta da un legale in detta fase pre-contenziosa. L’utilità di tale esborso, ai fini della possibilità di porlo a carico del danneggiante, deve essere valutata ex ante, cioè in vista di quello che poteva ragionevolmente presumersi essere […]

Read More &#8594