Le conseguenze della c.d. usura sopravvenuta

Per la qualificazione di un tasso come usurario occorre fare applicazione dell’art. 644 c.p., tenendo conto del momento in cui gli interessi sono convenuti, indipendentemente dal momento del loro pagamento. Di conseguenza, allorché il tasso degli interessi concordato tra mutuante e mutuatario superi, nel corso dello svolgimento del rapporto, la soglia dell’usura come determinata in […]

Read More &#8594

Ripetizione di interessi anatocistici o usurari: l’onere della prova a carico del correntista

Ove sia il correntista ad agire in giudizio per la ripetizione, o comunque per l’accertamento, delle somme indebitamente versate alla banca a titolo di interessi anatocistici e/o usurari, incombe su costui, ai sensi e per gli effetti dell’art. 2697 cc, l’onere di allegare i fatti posti a base della domanda, vale a dire dimostrare l’esistenza […]

Read More &#8594

Contratti bancari e ripetizione di indebito: onere della prova a carico del cliente correntista

Il correntista che agisce per la ripetizione e/o anche solo per l’accertamento di asseriti indebiti corrisposti alla banca nel corso del rapporto di conto corrente ha l’onere di provare i fatti costitutivi del diritto vantato, ovvero ha l’onere di allegare e provare gli elementi costitutivi dell’azione promossa e non può quindi limitarsi ad allegazioni generiche, […]

Read More &#8594

Finché il conto corrente è aperto, ogni domanda di ripetizione è inammissibile (ma il correntista può proporre domanda di accertamento del corretto saldo)

Il contratto di conto corrente bancario deve essere ricostruito come un rapporto unitario nel quale le singole operazioni confluiscono come momenti esecutivi intrinsecamente collegati, da valutarsi nel loro complesso al momento della chiusura del conto. Conseguentemente, fino a quando il rapporto di conto corrente è ancora aperto, ogni domanda di ripetizione è inammissibile e preclusa, […]

Read More &#8594

L’usura oggettiva si accerta confrontando il TEG con il TEGM

La fattispecie della c.d. usura oggettiva (o presunta) o in astratto è integrata a seguito del mero superamento del tasso–soglia che a sua volta viene ricavato mediante l’applicazione di uno spread sul TEGM; posto che il TEGM viene trimestralmente fissato dal Ministero dell’Economia sulla base delle rilevazioni della Banca D’Italia, a loro volta effettuate sulla […]

Read More &#8594