La ricognizione di debito cd. di favore

Nella ricognizione di debito cd. di favore, l’oggetto della prova è l’accordo simulatorio sotteso all’emissione del riconoscimento. La controdichiarazione anteriore o contemporanea all’atto apparente, avendo contenuto a questi contrario, non può essere provata dalle parti per testi, salva l’ipotesi di illiceità del patto dissimulato (art. 1417 cc). Può essere resa, invece, con una confessione di […]

Read More &#8594

Le conseguenze della c.d. usura sopravvenuta

Per la qualificazione di un tasso come usurario occorre fare applicazione dell’art. 644 c.p., tenendo conto del momento in cui gli interessi sono convenuti, indipendentemente dal momento del loro pagamento. Di conseguenza, allorché il tasso degli interessi concordato tra mutuante e mutuatario superi, nel corso dello svolgimento del rapporto, la soglia dell’usura come determinata in […]

Read More &#8594

[contrasto] Il giudicato civile non impedisce al giudice dell’opposizione all’esecuzione di valutare l’eventuale usurarietà (non sopravvenuta) degli interessi oggetto di condanna giudiziale definitiva

L’unico profilo ancora deducibile in presenza di un decreto ingiuntivo passato in giudicato è quello relativo alla lamentata usurarietà (esclusa quella sopravvenuta) degli interessi pretesi, posto che la rilevanza penale della condotta consente di ritenere proprio nel nostro ordinamento un principio assoluto che impone di non dare corso alla dazione di interessi usurari, neppure sulla […]

Read More &#8594

Nel mutuo alla francese, non può esserci anatocismo

Non è concettualmente configurabile il fenomeno anatocistico con riferimento a mutuo con ammortamento c.d.alla francese, difettando – in sede genetica del negozio – il presupposto stesso dell’anatocismo, giacché il metodo di calcolo della tradizionale rata costante espressa nel piano di ammortamento si risolve in una formula più complessa di calcolo del futuro interesse corrispettivo da […]

Read More &#8594

Le conseguenze della c.d. usura sopravvenuta

Per la qualificazione di un tasso come usurario occorre fare applicazione dell’art. 644 c.p., tenendo conto del momento in cui gli interessi sono convenuti, indipendentemente dal momento del loro pagamento. Di conseguenza, allorché il tasso degli interessi concordato tra mutuante e mutuatario superi, nel corso dello svolgimento del rapporto, la soglia dell’usura come determinata in […]

Read More &#8594