Sentenza o D.I. provvisoriamente esecutivo poi riformati in sede di impugnazione: come e quando far valere il diritto alla restituzione di quanto pagato medio tempore?

Il principio secondo cui il diritto alla restituzione delle somme pagate in esecuzione di una sentenza provvisoriamente esecutiva, successivamente riformata in appello, sorge, ai sensi dell’art. 336 cpc, per il solo fatto della riforma della sentenza e può essere fatto valere immediatamente, se del caso anche con procedimento monitorio, trova applicazione in via estensiva nei […]

Read More &#8594

La notifica della sentenza fa decorrere il termine breve sia per chi la riceve, sia per chi la effettua

La data del perfezionamento della notifica della sentenza individua il dies a quo del termine breve di impugnazione (art. 325 cpc) sia per il notificante sia per il destinatario della notifica, i cui effetti, interni al rapporto processuale, sono necessariamente comuni alle parti. Tribunale di Modena (Grandi), sentenza n. 1167 del 20 luglio 2021

Read More &#8594

Inammissibile l’appello proposto con citazione anziché con ricorso se la costituzione in giudizio avviene oltre il termine previsto per l’impugnazione

Il giudizio di opposizione al verbale di accertamento di violazione di norme del codice della strada, instaurato successivamente all’entrata in vigore del D.Lgs. n. 150/2011, è soggetto al rito del lavoro, sicché l’appello avverso la sentenza di primo grado, da proporsi con ricorso, è inammissibile ove l’atto sia stato depositato in cancelleria (oltre il termine […]

Read More &#8594