Il disconoscimento della copia è inefficace se generico o “di stile”

In tema di disconoscimento di fotocopie di scritture private prodotte in giudizio, la parte interessata ha l’onere di indicare dettagliatamente gli elementi necessari per la valutazione delle censure mosse al riguardo, giacché l’onere di disconoscere la conformità tra l’originale di una scrittura e la copia fotostatica della stessa prodotta in giudizio, pur non implicando necessariamente […]

Read More &#8594

Actio confessoria servitutis: sempre ammesso, in corso di causa, il mutamento della domanda di acquisto

I diritti reali, in quanto diritti assoluti, appartengono alla categoria dei diritti c.d. autodeterminati, che si identificano in base alla sola indicazione del loro contenuto e non per il titolo che ne costituisce la fonte. Pertanto, da un lato l’attore può mutare titolo della domanda senza incorrere nelle preclusioni della modifica della “causa petendi”, dall’altro […]

Read More &#8594

Il mancato o tardivo deposito del fascicolo di parte con la conclusionale

Ai sensi dell’art. 169 cpc, il termine utile per la restituzione dei fascicoli di parte ritirati all’udienza di precisazione delle conclusioni si identifica con quello stabilito dall’art. 190 cpc per il deposito della comparsa conclusionale (v. anche art. 77 disp.att.cpc e art. 111 disp.att.cpc). La mancata restituzione del fascicolo di parte -in precedenza ritirato- entro […]

Read More &#8594

Prova della forma scritta ad substantiam: ammessa la confessione, ma non la prova per testi, presunzioni e giuramento

La stipulazione del contratto per cui è richiesta la forma scritta ad substantiam non può essere provata per testimoni (salvo che il contraente non abbia perduto senza colpa il documento ex art. 2724 cc n. 2), né per presunzioni (art. 2729 cc) né tramite giuramento (art. 2739 cc), mentre -mancando un esplicito divieto in tal […]

Read More &#8594