La condanna per lite temeraria ex art. 96 co. 1 cpc presuppone un danno

La condanna per responsabilità processuale aggravata di cui all’art. 96 cpc co. 1 richiede la prova, incombente sulla parte istante, sia dell’”an” e sia del “quantum debeatur”, o comunque postula che, pur essendo la liquidazione effettuabile di ufficio in via equitativa, tali elementi siano in concreto desumibili dagli atti di causa. Tribunale di Modena (Grandi), […]

Read More &#8594

Il richiamo cumulativo di clausole vessatorie e non

Nel caso di condizioni generali di contratto, l’obbligo della specifica approvazione per iscritto a norma dell’art. 1341 cc della clausola vessatoria è rispettato anche nel caso di richiamo numerico a clausole, onerose e non, purché non cumulativo, salvo che, in quest’ultima ipotesi, non sia accompagnato da un’indicazione, benché sommaria, del loro contenuto, ovvero che non […]

Read More &#8594

Responsabilità del promotore finanziario: il concorso colposo dell’investitore

In tema di responsabilità del promotore finanziario, concorso colposo dell’investitore si configura quando egli tenga un contegno “significativamente anomalo” e cioè adotti comportamenti negligenti secondo la comune esperienza ovvero avalli condotte del promotore devianti rispetto alle ordinarie regole del rapporto professionale con il cliente e alle modalità di affidamento dei capitali da investire. Tribunale di […]

Read More &#8594

Gli estratti conto inviati al solo debitore principale possono essere fatti valere contro il suo fideiussore?

In tema di conto corrente bancario, l’estratto conto comunicato dalla banca al debitore principale e dal medesimo non impugnato nel termine di cui all’art. 1832 cc, assume carattere di incontestabilità, sicché è idoneo a fungere da mezzo di prova anche nel successivo giudizio contenzioso instaurato nei confronti del fideiussore. Tribunale di Modena (Pagliani), sentenza n. […]

Read More &#8594