Usura cd. oggettiva ed esclusione tout court degli interessi dovuti

La L. n. 108/1996 ha determinato la modifica delle norme di cui all’art. 644 c.p. e all’art. 1815 cc co. 2, introducendo da un lato l’usura oggettiva, non più collegata all’accertamento dello stato di bisogno dell’usurato, che si realizza iuris et de iure allorché sia stato pattuito un tasso maggiore rispetto al tasso soglia (tsu) vigente al momento del perfezionamento del relativo negozio e, dall’altro, inasprendo le conseguenze civilistiche, attraverso la sostituzione dell’originario meccanismo della riduzione del tasso usurario alla misura legale con la sanzione di non debenza degli interessi.

Tribunale di Modena (Russo), sentenza n. 352 del 12 marzo 2019

Esito: Accoglimento (4)

Classificazione:

| art. 1284 c.c. | art. 1813 c.c. | art. 1815 c.c. | art. 1823 c.c. | art. 1834 c.c. |
(07) Capo VII - Di alcune specie di obbligazioni (artt. 1277-1320 cc), (15) Capo XV - Del mutuo (artt. 1813-1822 cc), (16) Capo XVI - Del conto corrente (artt. 1823-1833 cc), (17) Capo XVII - Dei contratti bancari (artt. 1834-1860 cc)
Avatar

Avvocato in Modena

Related Articles

0 Comment