Risoluzione del contratto: l’importanza dell’inadempimento non va commisurata all’entità del danno


In tema di risouzione del contratto, la diretta connessione della clausola ex art. 1455 cc al canone della buona fede oggettiva (art. 1175 cc e art. 1375 cc) consente di ritenere che l’importanza dell’inadempimento non vada commisurata all’entità del danno (non necessariamente presente), ma al rilievo della disfunzione in rapporto alla volontà manifestata [...]

Contenuti riservati agli utenti registrati: crea un account oppure effettua il login.

(01) Capo I - Disposizioni preliminari (artt. 1173-1175 cc), (03) Capo III - Della condizione nel contratto (artt. 1353-1361 cc), (05) Capo V - Degli effetti del contratto (artt. 1372-1386 cc), (14) Capo XIV - Della risoluzione del contratto (artt. 1453-1469 cc)

Avvocato in Modena

Related Articles

0 Comment

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.