Fatture per operazioni inesistenti: le prove a carico dell’Ufficio

Al fine del disconoscimento della detrazione dell’IVA su fatture per operazioni soggettivamente inesistenti, l’AdE è tenuta a provare non solo che il soggetto che emette le fatture sia una “cartiera” ma altresì che il cessionario/committente sapeva o avrebbe dovuto sapere che le fatture si iscrivono in un’evasione commessa dal fornitore o da altro operatore a monte. Commissione Tributaria Provinciale di Modena, (...)

Contenuti riservati agli utenti registrati. Effettuare il login


Tributario

Related Articles

0 Comment