Lavoro all’aperto: l’accertamento analitico induttivo deve tenere conto della variabilità meteorologica

In caso di accertamento analitico-induttivo, al fine di determinare le ore lavorate da un’impresa che svolge la sua attività all’aperto (nella specie: movimento terra), occorre tenere conto della variabilità meteorologica perché nel corso di un anno non sempre il tempo consente il lavoro all’aperto di talchè è ragionevole un abbattimento del 5% rispetto al numero delle giornate lavorative di un anno per conteggiare le quali occorre altresì tenere conto dei giorni festivi infrasettimanali quali il giorno del santo Patrono, il lunedì di Pasqua, il primo novembre, il primo maggio, il 2 giugno e il 25 aprile. (...)

Contenuti riservati agli utenti registrati. Effettuare il login


Tributario

Related Articles

0 Comment