Sequestro giudiziario e assegno di mantenimento

E’ improponibile il ricorso per sequestro giudiziario (art. 670 cpc) proposto da un coniuge al fine di ottenere una valutazione della capacità reddituale e del patrimonio dell’altro coniuge in vista di un eventuale assegno di mantenimento da liquidarsi all’interno di una instauranda procedura di separazione personale, giacché indefettibile presupposto del provvedimento di cui all’art. 670 […]

Read More &#8594

L’opposizione tardiva per vizi della notificazione del decreto ingiuntivo

L’unico rimedio per far valere irregolarità e vizi della notificazione del decreto ingiuntivo, e conseguentemente l’inefficacia del provvedimento quale titolo per l’esecuzione forzata (salvo il caso della notificazione inesistente) è l’opposizione tardiva prevista dall’art. 650 cpc Non è pertanto consentito fare valere i vizi della notificazione del decreto ingiuntivo con l’opposizione all’esecuzione ex art. 615 […]

Read More &#8594

Opposizione a decreto ingiuntivo e produzione della copia autentica del decreto

L’opposizione avverso il decreto ingiuntivo, in quanto diretta ad infirmare o modificare il provvedimento monitorio, postula che quest’ultimo non sia divenuto irrevocabile, e, pertanto, richiede, come condizione d’ammissibilità, la produzione della copia autentica del decreto con la relata di notificazione, quale mezzo necessario al fine del riscontro della tempestività dell’opposizione medesima. Tribunale di Modena (Cigarini), […]

Read More &#8594

L’articolo 700 cpc in materia di separazione e divorzio

Vi sono forti dubbi sull’applicabilità dello strumento ex art. 700 cpc in materia di separazione e divorzio: laddove la giurisprudenza è giunta a consentirne l’uso, lo ha fatto con riguardo al regime patrimoniale e non certo con riferimento alla statuizione in ordine all’affidamento dei figli. Infatti, la natura cautelare dello specifico strumento previsto dall’art. 708 […]

Read More &#8594

Disciplina cautelare e provvedimento possessorio nel procedimento petitorio

Dopo l’entrata in vigore della riforma del 1990, con particolare riguardo alla disciplina del procedimento cautelare uniforme, i provvedimenti di cui all’art. 704 cpc co. 2 non possono che intendersi quelli emanabili solo inaudita altera parte (con tutte le limitazioni previste dall’art. 669 sexies cpc), con la conseguenza che spetta al giudice del petitorio l’emissione […]

Read More &#8594