Decreto ingiuntivo definitivo ed estensione del giudicato

Il decreto ingiuntivo non opposto è idoneo ad acquisire efficacia di giudicato, per l’effetto, acquisendo la sostanza di una sentenza di condanna. Il giudicato così formatosi copre il dedotto e deducibile (c.d. giudicato implicito), con ciò intendendosi ogni antecedente logico-giuridico alla decisione con riferimento tanto ai soggetti ed alla prestazione dovuta, quanto all’inesistenza di fatti […]

Read More &#8594

Il reddito del socio di s.r.l. deriva da quello stabilito dal Giudice per la società (anche se la sentenza non è passata in giudicato)

Il reddito accertato nei confronti di un socio di società di capitali (nella fattispecie a responsabilità limitata) sulla base della presunzione di distribuzione di utili deve essere determinato tenendo conto del reddito in capo alla società come accertato dal Giudice tributario ancorchè la relativa sentenza non sia passata in giudicato. Commissione Tributaria Provinciale Modena, sez. […]

Read More &#8594

Gli effetti della sentenza ex art. 2932 cc si producono solo dal suo passaggio in giudicato

Per principio di ordine generale, tutte le pronunce giudiziali retroagiscono al momento della domanda, salvo le pronunce costitutive (come ad es. quelle che tengono luogo dell’obbligo di concludere un contratto ex art. 2932 cc), le quali dispiegano necessariamente i propri effetti solo dal momento del loro passaggio in giudicato, nonostante l’eventuale trascrizione della relativa domanda […]

Read More &#8594

Gli effetti del decreto ingiuntivo passato in “giudicato”

Il decreto ingiuntivo non opposto tempestivamente acquista autorità ed efficacia di cosa giudicata, la quale è da intendersi estesa al rapporto dedotto in giudizio, a tutti gli accertamenti che costituiscono i necessari antecedenti logico-giuridici della pronuncia, nonché all’inesistenza di fatti estintivi, impeditivi o modificativi del rapporto e del credito precedenti al ricorso per ingiunzione e non […]

Read More &#8594