La contumacia è un contegno probatoriamente irrilevante, ma…

Nei giudizi contumaciali non soltanto non trova applicazione il principio di non contestazione di cui all’art. 115 cpc co. 1 – il cui perimetro applicativo è testualmente circoscritto alle parti costituite – ma è altresì impedito al giudice trarre dalla contumacia della parte, ritualmente vocata in giudizio e non comparsa, qualsiasi significato probatorio in favore […]

Read More &#8594

Opposizione a decreto ingiuntivo: la ripartizione dell’onere probatorio tra le parti

Nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo spetta all’opposto, nella sua qualità di creditore ed attore in senso sostanziale, fornire la prova dell’an e del quantum del credito azionato in via monitoria, gravando sull’opponente, nella sua qualità di debitore e convenuto, provare l’esistenza di fatti impeditivi, estintivi o modificativi del diritto vantato dalla controparte. Tribunale […]

Read More &#8594

Revocatoria fallimentare: i pagamenti effettuati dopo intimazione ad adempiere o precetto possono considerarsi “nei termini d’uso”?

Non sono soggetti all’azione revocatoria fallimentare i pagamenti di beni e servizi effettuati nell’esercizio dell’attività di impresa “nei termini d’uso” (art. 67, co. 3, Legge Fall.), ossia secondo le consuete e pregresse relazioni commerciali tra le parti, avuto riguardo alle modalità e ai tempi di pagamento. Pertanto, esulano da tale categoria i pagamenti ottenuti dopo […]

Read More &#8594

La responsabilità del custode riguarda tutti i soggetti – pubblici o privati – che hanno il possesso o la detenzione (legittima o anche abusiva) della cosa

Ai fini dell’art. 2051 cc, custodi sono tutti i soggetti – pubblici o privati – che hanno il possesso o la detenzione (legittima o anche abusiva) della cosa. Custodi sono i proprietari, come tali gravati da obblighi di manutenzione e controllo della cosa custodita; custodi sono altresì il possessore, il detentore e il concessionario. Tra […]

Read More &#8594