L’azione di simulazione e quella revocatoria possono essere proposte nello stesso giudizio

L’azione di simulazione (assoluta o relativa) e quella revocatoria, pur diverse per contenuto e finalità, possono essere proposte entrambe nello stesso giudizio in forma alternativa tra loro o, anche, eventualmente in via subordinata l’una all’altra, senza che la possibilità di esercizio dell’una precluda la proposizione dell’altra. L’unica differenza tra la formulazione delle due domande in via alternativa, piuttosto che in via subordinata una all’altra, risiede esclusivamente nella circostanza che, nel primo caso, è l’attore a rimettere al potere discrezionale del giudice la valutazione delle pretese fatte valere sotto una “species iuris” piuttosto che l’altra, mentre nella seconda ipotesi si richiede, espressamente, che il giudice prima valuti la possibilità di accogliere una domanda e, solo nell’eventualità in cui questa risulti infondata (o, comunque, da rigettare), esamini l’ulteriore richiesta.

Tribunale di Modena (Saracini), sentenza n. 1864 del 9 ottobre 2015

Esito: Accoglimento (5)

Classificazione:

| art. 1414 c.c. | art. 2901 c.c. |
(05) Capo V - Dei mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale (artt. 2900-2906 cc), (10) Capo X - Della simulazione (artt. 1414-1417 cc)
Avatar

Avvocato in Modena

Related Articles

0 Comment