Il giudicato copre il dedotto e il deducibile

L’accertamento contenuto in un titolo giudiziale passato in giudicato (ivi compreso il decreto ingiuntivo divenuto definitivo per mancata opposizione o per rigetto della stessa) fa stato ad ogni effetto fra le parti, non soltanto con riferimento all’esistenza del credito azionato, del rapporto di cui esso è oggetto e del titolo su cui il credito ed […]

Read More &#8594

Monitorio ottenuto nei confronti di società estinta e opposizione a D.I. proposta dal socio: quid juris?

Nel caso in cui il socio personalmente proponga opposizione all’ingiunzione di pagamento giuridicamente inesistente in quanto ottenuta nei confronti di società già cancellata dal registro delle imprese, il relativo giudizio deve ritenersi ritualmene instaurato e riguarda il merito della pretesa originariamente fatta valere nei confronti della società estinta, rispetto alla quale si verifica un fenomeno […]

Read More &#8594

Inesistente il decreto ingiuntivo ottenuto contro società già cancellata dal registro delle imprese

Per la giuridica esistenza dei provvedimenti giurisdizionali occorre non soltanto che essi provengano da un organo investito della funzione giurisdizionale, ma anche che essi siano emanati nei confronti di uno o più soggetti determinati che siano idonei destinatari del comando giuridico contenuto nel provvedimento stesso, con conseguente inesistenza del provvedimento giurisdizionale (nella specie, decreto ingiuntivo) […]

Read More &#8594

Opposizione a decreto ingiuntivo: la posizione processuale delle parti è invertita

L’opposizione a decreto ingiuntivo introduce un giudizio di cognizione, che segue le regole del giudizio ordinario, secondo il principio della domanda ad iniziativa di parte ed i principi che governano l’onere probatorio delle parti, nel quale giudizio la posizione processuale delle parti è invertita per effetto della posticipazione del contraddittorio conseguente all’emanazione del decreto ingiuntivo, […]

Read More &#8594