Per accertare la responsabilità professionale non è sufficiente dimostrare l’inadempimento

La responsabilità del prestatore d’opera intellettuale nei confronti del proprio cliente per negligente svolgimento dell’attività professionale implica una valutazione prognostica positiva circa il probabile esito favorevole del risultato della sua attività se la stessa fosse stata correttamente e diligentemente svolta. In effetti, per accertare la effettiva responsabilità professionale da inadempimento dell’attività professionale non è sufficiente […]

Read More &#8594

La differenza tra contratto d’appalto ed il contratto d’opera

Il contratto d’appalto ed il contratto d’opera si distinguono per il fatto che nel primo l’opera richiede l’organizzazione di una media o grande impresa in cui l’obbligato è preposto, nel secondo, invece, è realizzata con il prevalente lavoro dell’imprenditore, pur se coadiuvato da familiari o collaboratori secondo il modello della piccola impresa ex art. 2083 […]

Read More &#8594

Contratto di prestazione di opera intellettuale: il rapporto fiduciario giustifica il recesso ad nutum

L’art. 2237 cc – nel consentire al cliente di recedere dal contratto di prestazione di opera intellettuale – ammette, in senso solo parzialmente analogo a quanto stabilito dall’art. 2227 cc per il contratto d’opera, la facoltà di recesso indipendentemente da quello che è stato il comportamento del prestatore d’opera intellettuale, ossia prescindendo dalla presenza o […]

Read More &#8594

Responsabilità dell’avvocato: l’accertamento dell’intervenuta prescrizione è un adempimento routinario

Sebbene l’obbligazione contratta dall’avvocato nell’esercizio della propria attività sia di mezzi e non di risultato, l’accertamento di un’eventuale prescrizione è da considerare dall’esercente la professione legale adempimento routinario, preliminare già all’iniziale sommaria disamina degli elementi essenziali della questione affidatagli. Tribunale di Modena (Russo), sentenza n. 570 del 10 aprile 2019

Read More &#8594