Responsabilità dell’avvocato: necessario il nesso eziologico e la valutazione prognostica

Se è vero che l’obbligazione assunta dal difensore è di mezzi e non di risultato, ma con diligenza qualificata ex art. 1176 cc co. 2, tuttavia la responsabilità del prestatore d’opera intellettuale è riscontrabile nei confronti del cliente sempre che sussista un nesso eziologico tra condotta negligente mantenuta e valutazione prognostica positiva circa l’esito favorevole […]

Read More &#8594

I principi generali regolatori della responsabilità professionale

Nelle prestazioni rese nell’esercizio di attività professionali, al professionista è richiesta, ex art. 1176 cc, la diligenza corrispondente alla natura dell’attività esercitata, vale a dire è richiesta una diligenza qualificata dalla perizia e dall’impiego di strumenti tecnici adeguati ai tipi di prestazioni dovute (e la valutazione dell’esattezza delle prestazioni da parte del professionista varia secondo […]

Read More &#8594

Responsabilità dell’avvocato: un colpevole inadempimento professionale non è idoneo ex se a giustificare il risarcimento del danno

La responsabilità del prestatore d’opera intellettuale nei confronti del proprio cliente per negligente svolgimento dell’attività professionale implica una valutazione prognostica positiva circa il probabile esito favorevole del risultato della sua attività se la stessa fosse stata correttamente e diligentemente svolta. Conseguentemente, non è sufficiente dimostrare il non corretto adempimento dell’attività professionale, ma è altresì richiesta […]

Read More &#8594