Nullità della fideiussione prestata in favore di una società dello stesso gruppo

La fideiussione prestata in favore di una società dello stesso gruppo non è legittima in quanto estranea all’oggetto sociale tutte le volte in cui la fideiussione stessa sia estranea e non funzionale all’attività economica svolta dalla società garante e non importa in concreto un vantaggio economico per la stessa, tanto più quando configura un’azione pregiudizievole […]

Read More &#8594

Conformità di un atto all’oggetto sociale

La valutazione della conformità di un atto all’oggetto sociale della società a cui si riferisce deve essere operata in concreto, avuto riguardo all’effettiva attività economica esercitata e non già alle attività indicate nello statuto, il più delle volte estremamente generiche, ampie e tra loro eterogenee. Tribunale di Modena (Salvatore), 29 giugno 1998

Read More &#8594

Procedimento cautelare

Là dove l’art. 684 cpc parla di giudice istruttore deve leggersi collegio del Tribunale se la misura cautelare sia stata concessa in sede di reclamo da parte del Tribunale in composizione collegiale, sicché la “gestione” successiva alla concessione della misura cautelare spetta allo stesso organo che l’ha concessa. (s.m.) Tribunale di Modena (Masoni), 27 luglio […]

Read More &#8594

Domande nuove ed accettazione del contraddittorio nel rito del lavoro

Nel rito del lavoro le domande nuove sono inammissibili, ancorché l’avverso contendente accetti il contraddittorio; la rilevabilità officiosa della inammissibilità viene giustificata con la sussistenza di esigenze anche pubblicistiche (e quindi non disponibili dalle parti) dirette alla celerità del rito (celerità dalle nuove domande evidentemente pregiudicata); la stessa mera emendatio è poi possibile solo per […]

Read More &#8594

Domande nuove nel rito del lavoro

L’onere posto dal rito del lavoro a carico del ricorrente dall’art. 414 cpc, per cui egli deve indicare gli elementi di fatto e di diritto che integrano la fattispecie costitutiva dei diritto fatto valere in giudizio, è sanzionato dalla decadenza, come può dedursi dall’art. 420 cpc, a norma del quale l’attore può modificare la domanda […]

Read More &#8594