I presupposti per la personalizzazione del danno biologico

In tema di danno non patrimoniale da lesione della salute, il danno biologico, rappresentato dall’incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico relazionali della vita del danneggiato, è pregiudizio ontologicamente diverso dal cd. danno morale soggettivo, inteso come sofferenza interiore patita dal soggetto in conseguenza della lesione del suo diritto alla salute; esso, ordinariamente liquidato con il metodo c.d. tabellare in relazione a un “barème” medico legale che esprime in misura percentuale la sintesi di tutte le conseguenze ordinarie che una determinata menomazione presumibilmente riverbera sullo svolgimento delle attività comuni ad ogni persona, può essere incrementato in via di “personalizzazione” in presenza di circostanze specifiche ed eccezionali, tempestivamente allegate e provate dal danneggiato, le quali rendano il danno subito più grave rispetto alle conseguenze ordinariamente derivanti da lesioni personali dello stesso grado sofferte da persone della stessa età e condizione di salute.

Tribunale di Modena (Cortelloni), sentenza n. 428 del 27 marzo 2019

Esito: Accoglimento (6)

Classificazione:

| art. 1226 c.c. | art. 2043 c.c. | art. 2056 c.c. |

(03) Capo III - Dell'inadempimento delle obbligazioni (artt. 1218-1229 cc), (09) Titolo IX - Dei fatti illeciti (artt. 2043-2059 cc)
Avatar

Avvocato in Modena

Related Articles

0 Comment