L’adempimento di un debito scaduto non è revocabile

L’adempimento di un debito scaduto non è revocabile (art. 2901 cc co. 3), al pari della alienazione di un bene eseguita per reperire la somma necessaria ad eseguire quel pagamento, purché quell’alienazione rappresenti il solo mezzo per soddisfare il creditore, giacché in questa ipotesi la vendita si pone in un rapporto di strumentalità necessaria con […]

Read More &#8594

Revocatoria: il requisito del consilium fraudis

In tema di revocatoria ordinaria, ai fini della configurabilità del “consilium fraudis” per gli atti di disposizione a titolo gratuito compiuti dal debitore successivamente al sorgere del credito, non è necessaria l’intenzione di nuocere ai creditori, essendo sufficiente la consapevolezza, da parte del debitore stesso (e non anche del terzo beneficiario), del pregiudizio che, mediante […]

Read More &#8594

Revocatoria ed animus nocendi

In tema di revocatoria, per la sussistenza dell’animus nocendi richiesto dall’art. 2901 cc è sufficiente il mero dolo generico, e cioè la mera previsione, da parte del debitore, del pregiudizio dei creditori, e non è, quindi, necessaria la ricorrenza del dolo specifico, e cioè la consapevole volontà del debitore di pregiudicare le ragioni del creditore. […]

Read More &#8594

Revocatoria ed animus nocendi

In tema di revocatoria, per la sussistenza dell’animus nocendi richiesto dall’art. 2901 cc è sufficiente il mero dolo generico, e cioè la mera previsione, da parte del debitore, del pregiudizio dei creditori, e non è, quindi, necessaria la ricorrenza del dolo specifico, e cioè la consapevole volontà del debitore di pregiudicare le ragioni del creditore. […]

Read More &#8594