Cosa deve provare ed allegare il creditore che eserciti un’azione di responsabilità contrattuale?

Il creditore che eserciti un’azione di responsabilità contrattuale può limitarsi ad allegare l’inadempimento dell’obbligazione, di risultato o di mezzi, mentre deve (allegare e) provare la fonte del suo diritto, il danno e il nesso di causalità con la condotta del debitore. In particolare, l’allegazione deve essere specifica e attenere ad un inadempimento per così dire […]

Read More &#8594

Il t.e.g.m. e il t.e.g. non possono calcolarsi con metodologie diverse

È ragionevole attendersi simmetria delle metodologie di calcolo del tasso effettivo globale medio (c.d. t.e.g.m.), applicate nelle rilevazioni trimestrali del Ministero dell’Economia (art. 2 L. n. 108/1996), e dello specifico tasso effettivo globale del contratto esaminato (c.d. t.e.g.), atteso che il valore determinato da un raffronto eseguito secondo diverse metodologie di calcolo è necessariamente viziato. […]

Read More &#8594

Fidejussione omnibus: il garante autonomo è legittimato ad eccepire la nullità negoziale dell’obbligazione principale?

Anche il garante autonomo è legittimato ad esperire azione od eccepire la nullità negoziale relativa all’obbligazione principale, quando allega una nullità per contrarietà a norme imperative o per illiceità della causa (nella specie, per contrarietà a norme imperative in materia di usura). Tribunale di Modena (Pagliani), sentenza n. 926 del 14 luglio 2022

Read More &#8594

L’usura oggettiva si accerta confrontando il TEG con il TEGM

La fattispecie della c.d. usura oggettiva (o presunta) o in astratto è integrata a seguito del mero superamento del tasso–soglia che a sua volta viene ricavato mediante l’applicazione di uno spread sul TEGM; posto che il TEGM viene trimestralmente fissato dal Ministero dell’Economia sulla base delle rilevazioni della Banca D’Italia, a loro volta effettuate sulla […]

Read More &#8594

Cose in custodia: il comportamento colposo del creditore può ridurre o escludere del tutto la responsabilità oggettiva

In tema di responsabilità del custode, quest’ultimo è tenuto a provare il caso fortuito o forza maggiore, ovvero l’esistenza di un comportamento colposo del danneggiato (sussistente quando abbia usato il bene senza la normale diligenza o con un affidamento soggettivo anomalo sulle sue caratteristiche) idoneo ad interrompere il nesso eziologico tra la causa del danno […]

Read More &#8594