Causa illecita e contratti atipici

Poiché la causa del negozio giuridico si identifica con la funzione economico sociale che il negozio stesso obiettivamente persegue – la quale è, quindi, ontologicamente distinta dallo scopo particolare che ciascuna delle parti si propone di realizzare -, nell’ipotesi di negozio tipizzato dall’ordinamento è esclusa in radice la configurabilità di un vizio riconducibile alla fattispecie […]

Read More &#8594

Amministratore di fatto

Ove manchi una formale e regolare nomina, deve riconoscersi la figura del c.d. “amministratore di fatto” allorché si dimostri l’esistenza di una preposizione implicita alla carica, ossia una stabile ingerenza nella gestione dell’impresa. In particolare, occorre dare prova del compimento di atti tipici di amministrazione e per un tempo notevolmente protratto (Nel caso di specie, […]

Read More &#8594

Adempimento della prestazione secondo buona fede

Una modalità di pagamento diversa da quella prevista in contratto costituisce prestazione in luogo dell’adempimento, che non ha efficacia liberatoria per il debitore se il creditore non vi consenta (art. 1197 cc). Ciò detto, qualora le parti avessero pattuito come modalità di pagamento rateale l’accredito periodico su conto corrente bancario e questo fosse successivamente estinto, […]

Read More &#8594

Attendibilità della testimonianza

Nel nostro sistema giuridico, l’attendibilità del testimone – che depone impegnandosi a dire la verità – è la regola, che può essere vinta se, in concreto, vi siano sufficienti elementi (soggettivi ed oggettivi) per escluderla, e non se, al contrario, manchino i dati per confermarla. Tribunale di Modena (Cifarelli), n. 1638 del 7 ottobre 2004

Read More &#8594