Transfer price: la verifica deve partire dai prezzi della società venditrice

Ai fini della rettifica dei prezzi di trasferimento tra società del medesimo gruppo (c.d. transfer price), l’Amministrazione finanziaria è tenuta, al fine di valutare la congruità del prezzo applicato, a prendere in considerazione, in primo luogo, i listini e le tariffe della società venditrice dei beni o prestatrice dei servizi utilizzati nel libero mercato, tenendo […]

Read More &#8594

Società di capitali a base ristretta: il “nero” si presume incassato dai soci

Gli utili extrabilancio delle società di capitali a ristretta base azionaria o familiare si presumono distribuiti ai soci, rimanendo salva la facoltà dei soci stessi di offrire la prova del fatto che i maggiori ricavi non siano stati fatti oggetto di distribuzione, per essere stati, invece, accantonati dalla società ovvero da essa reinvestiti. Commissione Tributaria […]

Read More &#8594

Società estinte: la responsabilità del socio per le obbligazioni fiscali è limitato all’attivo percepito

Nelle società di capitali (nella fattispecie società a responsabilità limitata unipersonale) la responsabilità dei soci per le obbligazioni sociali non assolte è limitata alla parte da ciascuno di essi conseguita nella distribuzione dell’attivo nelle varie fasi posto che l’art. 36 D.P.R. n. 602/1973 assume come presupposto per la responsabilità sussidiaria del socio di società di […]

Read More &#8594

Errore di scienza: può essere sempre corretto ma deve essere provato

Se è vero che la giurisprudenza è costante nell’ammettere l’emendabilità, in sede processuale, dell’errore di scienza contenuto nella dichiarazione, anche se oggetto della lite sia la riscossione, è comunque onere del contribuente provare tale errore di scienza. Commissione Tributaria Provinciale Modena, sez. II (pres. e rel. Bruschetta), 10 dicembre 2013, n. 466

Read More &#8594

Contratti conclusi per (finta) corrispondenza: attenzione all’abuso del diritto

Non può ritenersi formato per corrispondenza – e quindi soggiace all’imposta di registro anche al di fuori dell’ipotesi del “caso d’uso” (con obbligo di registrazione in termine fisso) – un contratto di mutuo stipulato tra padre e figlio conviventi mediante la redazione contestuale, e non a formazione progressiva come succede nello scambio epistolare, di due […]

Read More &#8594