Procedimento disciplinare avanti al CNF: possibile la reformatio in pejus?

Articolo di Juri Rudi, avvocato in Modena – Il Settimanale, rubrica a cura di Fiorenzo Festi – Il divieto per il giudice dell’impugnazione di aggravare la decisione disciplinare quando ad appellare sia il (solo) sanzionato, e non pure la pubblica accusa o il Consiglio dell’ordine presso il quale l’incolpato stesso è iscritto, è ritenuto tuttora operante dalla giurisprudenza domestica (CNF nn. 110/2019, 136/2019, 202/2019, 52/2020, 217/2020, 81/2021, 243/2021, 6/2022), nonché da quella di Legittimità (Cass. nn. 2606/2020, 20383/2021). Caratteristica comune a tutte le citate pronunce, tuttavia, è che nessuna motiva espressamente in merito al divieto stesso, limitandosi a darlo per pacifico. Ma è davvero così scontato che, in ambito disciplinare, il CNF non possa infliggere all’incolpato una sanzione più grave di quella comminata in sede territoriale dal Consiglio Distrettuale di Disciplina? Orbene, nella vigenza della “vecchia” legge professionale (RDL n. 1578/1933), il divieto in parola trovava (implicito) fondamento nell’art. 50 RDL cit., da cui peraltro lo si ricavava con ragionamento a contrario: in particolare, poiché detta norma disponeva che la sanzione disciplinare potesse aggravarsi in sede di gravame (solo) quando ad impugnare fosse il PM, se ne deduceva implicitamente (appunto, a contrario) che la sanzione disciplinare non potesse essere aggravata negli altri casi, cioè quando ad impugnare fosse il solo incolpato (CNF nn. 73/1991, 41/1992, 7/1997). Tuttavia, analoga disposizione normativa non è stata (volutamente?) riprodotta nella “nuova” legge professionale (art. 61 L. n. 247/2012), sicché pare opportuno chiedersi se, ciononostante, il divieto di reformatio in pejus abbia ancora cittadinanza nell’attuale procedimento disciplinare forense. Ebbene, una volta escluso che il divieto di reformatio in pejus sia ricavabile (ancorché implicitamente, come in passato) dal vigente Ordinamento professionale, occorre allora verificare se un tale divieto possa comunque quivi ritenersi operante in virtù di un’applicazione estensiva di norme dettate per altri giudizi (avendo natura eccezionale, secondo Carnelutti l’interpretazione analogica di tale principio sarebbe esclusa). A tal proposito, allora, si consideri che: al procedimento dinanzi al CNF non si applica il codice di procedura penale (Cass. nn. 412/2020, 24109/2020, CNF n. 2019/2020) né, quindi, l’art. 597 cpp, da cui per quel rito si ricava il divieto di reformatio in pejus;l’impugnazione al CNF non è assimilabile all’appello disciplinato dal codice di procedura civile (Cass. nn. 6547/2021, 34476/2019), sicché non risulta applicabile in sede disciplinare ciò che per semplicità viene anche qui tradizionalmente definito (cfr. Calamandrei, Appunti sulla reformatio in peius, Riv.Dir.Proc.Civ., v. 6, n. 1, p.297-307, 1929; Carnelutti, Sulla reformatio in peius, Riv.Dir.Proc.Civ., v. 4, n. 1, p. 181-188, 1927) “divieto di reformatio in pejus” (arg. ex art. 112 cpc sul principio della domanda, in combinato disposto con gli art. 329 cpc e art. 342 cpc sulla natura devolutiva dell’appello), giacché il procedimento dinanzi al CNF non è un giudizio di secondo grado in senso stretto bensì un giudizio di primo grado giurisdizionale (CNF nn. 241/2020, 219/2017), avanti al quale la “domanda” giurisdizionale viene per la prima volta avanzata dinanzi all’ufficio disciplinare. Resta quindi da verificare l’ordinamento amministrativo, che peraltro con il procedimento disciplinare ha forti analogie (se non vere e proprie identità). Infatti, stante la natura (amministrativa giustiziale) del procedimento dinanzi al CDD (per tutte, Cass. n. 19030/2021), il procedimento (giurisdizionale) dinanzi al CNF appare del tutto assimilabile all’impugnazione, dinanzi al Giudice, dell’ordinanza-ingiunzione comminata in sede amministrativa. Ebbene, secondo la normativa che disciplina tale impugnazione (art. 6 co. 12 e art. 7 co. 11 D.Lgs. n. 150/2011, già art. 23 L. n. 689/1981), il giudice del gravame può modificare anche in pejus l’importo della sanzione amministrativa impugnata, tanto che l’annullamento di alcune incolpazioni non determina necessariamente la corrispondente riduzione dell’importo comminato con l’ordinanza parzialmente annullata, come invece dovrebbe essere se si facesse rigorosa applicazione del divieto in parola (in arg. cfr. (...)

Contenuti riservati agli utenti registrati. Effettuare il login

Il Settimanale

Avvocato in Modena

Related Articles

0 Comment

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.