L’individuazione del dies a quo della prescrizione dell’illecito amministrativo permanente

Con riguardo all’individuazione del “dies a quo” della decorrenza del termine di prescrizione quinquennale previsto dall’art. 28 L. n. 689/1981, occorre tener conto della particolare natura degli illeciti in materia paesaggistica, urbanistica ed edilizia, i quali, ove consistano nella realizzazione di opere senza le prescritte concessioni e autorizzazioni, hanno carattere di illeciti permanenti, in cui la lesione del bene giuridico tutelato si protrae nel tempo e viene meno solo con il cessare della situazione di illiceità, con la conseguenza che il relativo termine per la prescrizione quinquennale di cui all’art. 28 cit. decorre dal momento in cui viene a cessare la permanenza della situazione di illiceità e dunque con la rimessione in pristino o con il conseguimento d (...)

Contenuti riservati agli utenti registrati. Effettuare il login

L. n. 689 del 1981 (Legge depenalizzazione)

Avvocato in Modena

Related Articles

0 Comment

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.