Nel giudizio di accertamento ex art. 548 cpc, la persistente assenza di dichiarazione del terzo pignorato nel corso del giudizio consente l’applicazione della regola fissata dall’art. 232 co. 1° cpc, ma l’esercizio del potere -che è facoltativo- del giudice di ritenere ammessi i fatti presuppone, da un lato, che essi siano almeno in minima parte [...]

Contenuti riservati agli utenti registrati: crea un account oppure effettua il login.

Di Rudi Juri

Avvocato in Modena