Genus numquam perit: alle obbligazioni pecuniarie non si applica l’impossibilità sopravvenuta


L’impossibilità sopravvenuta che, ex art. 1256 cc, estingue l’obbligazione (se finitiva) ovvero esonera il debitore da responsabilità per il ritardo (se temporanea), deve essere obiettiva, assoluta e riferibile al contratto e alla prestazione ivi contemplata, e deve consistere non in una mera difficoltà, ma in un impedimento, del pari obiettivo e assol [...]

Contenuti riservati agli utenti registrati: crea un account oppure effettua il login.

(04) Capo IV - Dei modi di estinzione delle obbligazioni diversi dell'adempimento (artt. 1230-1259 cc), (14) Capo XIV - Della risoluzione del contratto (artt. 1453-1469 cc)

Avvocato in Modena

Related Articles

0 Comment

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.