Revocatoria ordinaria, sufficiente che il soddisfacimento del creditore sia divenuto più difficile per la variazione qualitativa (e non quantitativa) del patrimonio del debitore

In tema di azione revocatoria ordinaria (art. 2901 cc) non è richiesta, a fondamento della azione, la totale compromissione della consistenza patrimoniale del debitore, ma solo il compimento di un atto che renda più incerto o difficile il soddisfacimento del credito, che può consistere non solo in una variazione quantitativa del patrimonio del debitore, ma […]

Read More &#8594

La revocatoria del fondo patrimoniale: il requisito della “scientia damni”

In tema di azione revocatoria relativa a fondo patrimoniale costituito dopo l’assunzione del debito basta, ai fini della scientia damni, la semplice consapevolezza del debitore di arrecare danno al creditore, o la sua previsione di un pur solo potenziale danno di esso; invece non rilevanti tanto l’intenzione del debitore di ledere la garanzia patrimoniale generica […]

Read More &#8594

Il fondo patrimoniale è revocabile

L’atto costitutivo del fondo patrimoniale (atto di per sè gratuito) può essere dichiarato inefficace nei confronti dei creditori mediante azione revocatoria ordinaria o fallimentare, in quanto rende i beni conferiti aggredibili solo a determinate condizioni, così riducendo la garanzia spettante ai creditori sul patrimonio dei costituenti. Tribunale di Modena (Pagliani), sentenza n. 75 del 18 […]

Read More &#8594