Responsabilità professionale dell’avvocato: il danno da perdita di chance

Nel giudizio di responsabilità civile dell’avvocato, il suo inadempimento deve aver privato il cliente di serie ed apprezzabili possibilità di successo. In particolare, il danno da perdita di chance è risarcibile se appare più probabile non il conseguimento dell’utilità finale della prestazione, bensì la possibilità di soddisfarla. Deve quindi accertarsi come maggiormente probabile l’ipotesi che […]

Read More &#8594

Responsabilità di padroni e committenti: basta un rapporto di occasionalità necessaria

In tema di fatto illecito, con riferimento alla responsabilità dei padroni e dei committenti, ai fini dell’applicabilità della norma di cui all’art. 2049 cc, non è richiesto l’accertamento del nesso di causalità tra l’opera dell’ausiliario e l’obbligo del debitore, nonché della sussistenza di un rapporto di subordinazione tra l’autore dell’illecito e il proprio datore di […]

Read More &#8594

L’assicurazione non risponde del fatto illecito del sub-agente

La responsabilità dell’assicuratore è esclusa per fatto illecito del sub-agente in virtù del fatto che ciascun padrone o committente risponde, ex art. 2049 cc e 1228 cc, dei fatti illeciti commessi soltanto dai propri collaboratori e non dai collaboratori dei soggetti ai quali essi sono legati mediante rapporti contrattuali che lasciano all’autonomia organizzativa dei commissionari […]

Read More &#8594

Rivestire i marciapiedi con un materiale scivoloso costituisce condotta imprudente che espone al risarcimento del danno

I proprietari di strade e marciapiedi sono soggetti all’obbligo di custodia, manutenzione e pulizia degli essi (art. 3 n. 33, e art. 14 D.Lgs. n. 285/1992), pena il risarcimento del danno ex art. 2051 cc. In particolare, rivestire tali luoghi con un tappeto di linoleum (che, se posizionato in esterno, le condizioni metereologiche possono rendere […]

Read More &#8594

Tamponamento a catena: la presunzione di responsabilità per coppie di veicoli

Nell’ipotesi di tamponamento a catena tra veicoli in movimento trova applicazione l’art. 2054 cc co. 2, con conseguente presunzione “iuris tantum” di colpa in eguale misura di entrambi i conducenti di ciascuna coppia di veicoli (tamponante e tamponato), fondata sull’inosservanza della distanza di sicurezza rispetto al veicolo antistante, qualora non sia fornita la prova liberatoria […]

Read More &#8594