Divisione giudiziale di bene non comodamente divisibile e rivalutazione monetaria della somma dovuta a conguaglio

In materia di divisione giudiziale, la somma dovuta dal condividente assegnatario di un immobile non facilmente divisibile a titolo di conguaglio in favore di quello non assegnatario ha natura di debito di valore, sicché, sorgendo all’atto dell’assegnazione del bene, va rivalutata, anche d’ufficio, al momento della decisione della causa di divisione, senza che, peraltro, da […]

Read More &#8594

Divisione giudiziale di bene in comunione: il concetto di comoda divisibilità di un immobile

Il concetto di comoda divisibilità di un immobile cui fa riferimento l’art. 720 cc postula che il frazionamento del bene sia attuabile in tante porzioni separate ciascuna delle quali suscettibile di autonomo godimento da parte di ciascun condividente secondo la normale funzionalità dell’intero. E’ quindi necessario che la divisione in natura possa avvenire senza dover […]

Read More &#8594

Locazione di immobile in comproprietà: per lo sfratto può agire anche un solo locatore (presumendosi il consenso degli altri)

Qualora il partecipante alla comunione compia un atto di ordinaria amministrazione (anche consistente in un negozio giuridico o in un’azione giudiziale aventi tali finalità, come l’agire per finita locazione contro i conduttori della cosa comune, etc.), la presunzione del consenso degli altri comunisti, che sussiste ai sensi dell’art. 1105 cc co. 1, può essere superata […]

Read More &#8594

Delibera condominiale: i punti all’ordine del giorno

Ai fini della validità della deliberazione codominiale adottata (art. 1139 cc e art. 1105 cc co. 3; ora art. 66 disp.att.cc co. 3), occorre che l’ordine del giorno elenchi specificamente, sia pure in modo non analitico e minuzioso, tutti gli argomenti da trattare, sì da consentire a ciascun condomino di comprenderne esattamente il tenore e […]

Read More &#8594