La penale contrattuale nella vendita con riserva di proprietà

In tema di compravendita con riserva di proprietà, la penale contrattuale di cui all’art. 1526, co. 2, c.c. (secondo cui, in caso di risoluzione per inadempimento del compratore, le parti possono convenire che le rate pagate restino acquisite al venditore a titolo di indennità) presuppone la restituzione del bene o la corresponsione del suo equivalente e può essere ridotta dal giudice in via equitativa.