Rito del lavoro e domanda riconvenzionale

Anche alla stregua di quanto affermato dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 13 del 1977 (e con le successive ordinanze nn. 36 e 64 del 1978), nel rito dei lavoro, l’attore convenuto in via riconvenzionale ha – con riferimento alla nuova udienza fissata nei modi previsti dall’art. 418 c.p.c. – gli stessi poteri (ed […]

Read More &#8594

Decadenza istruttoria ed eccezione di controparte

Nell’ipotesi in cui il convenuto nelle controversie in materia di lavoro non eccepisca tempestivamente, ai sensi dell’art. 416 c.p.c., la decadenza della controparte dalla prova testimoniale (non indicata con l’atto introduttivo ex art. 414 c.p.c.) e non si opponga alla richiesta dei mezzo istruttorio formulata solo all’udienza di discussione, chiedendo a sua volta prova contraria, […]

Read More &#8594

Prove d’ufficio

Anche nel rito del lavoro, l’attore ha l’onere di dimostrare tutti i fatti costitutivi del diritto del quale chiede la tutela, senza poter frazionare la prova testimoniale nei due diversi gradi dei giudizio di merito. D’altra parte, il giudice non può sopperire alle carenze probatorie imputabili alle parti, in quanto il suo potere di ammettere […]

Read More &#8594